La storia di Rosario - (di Vincenzo Bonito - Atelier Re Mida Campania)

 

Rosario, ormai diventato nonno, racconta ai nipoti di quando era giovane.

Gli racconta di quando se la faceva con Gerozzo, Tarzaniello, il Ciuotto e il Nazista, frequentava la terza per la seconda volta e tutti i giorni dopo le lezioni fumavano le canne.

Stavano a Ponticelli in uno scasso e lui vomitava sempre, perché fumare gli faceva male.

Rosario invece di fumare e vomitare sempre voleva stare con Tonia, ad un certo punto Trazaniello, Gerozzo, il Ciuotto e il Nazista lo picchiarono.

E da allora capì che loro era tutti un bleff.

Perciò disse ai suoi nipotini di avere compagni buoni e non come i suoi quando era piccolo.