Cara Anna... (di Nunzia Rattrovo - Liceo Scientifico Calamandrei)

 

Cara Anna,

Eri bella si, ti ricordi ancora, il giorno del nostro matrimonio tra mille fiori di un giorno di primavera, tu eri il sole che illuminava la nostra festa.
Tremavi, si, e come se tremavi, io ti stringevo la mano forte ma tu non riuscivi a smettere di tremare, con gli occhi sbarrati e gonfi per la stanchezza e l'emozione, e la tua bocca da bambola che con una sola sillaba mi rese l'uomo più felice di questa terra.
Ormai sono passati 30 anni e non so come fai a stare ancora con uno come me, tu che sei un angelo e ti accontenti di me, non sai quanto mi rendi felice. Ti scrivo anche se tu lo sai che io sono un uomo di poche parole perchè tu possa leggere queste poche righe quando ti senti sola, non ti abbattere amore mio, non perdere mai il tuo splendido sorriso, fallo per me che ormai sono stanco e da lassù ti proteggerò per sempre...

Tuo Totò